Tribunale di Milano: il MIUR discrimina

Il Tribunale di Milano, sezione lavoro, ha accolto il ricorso per la discriminazione dell’accesso alle graduatorie per le supplenze, riservate ai cittadini italiani e comunitari, escludendo quindi gli stranieri che hanno diritto all’accesso al pubblico impiego in forza di disposizioni nazionali o comunitarie, e prevedendo che gli stranieri ammessi in terza fascia per l’insegnamento della lingua straniera siano collocati in posizione subordinata rispetto agli italiani. Il MIUR dovrà riaprire il bando.

Fonte: ASGI

Be the first to comment

Leave a Reply