Tribunale di Milano, ordinanza del 9 dicembre 2016

Il cittadino extra UE titolare  di “permesso unico lavoro” ha diritto– in applicazione del principio di parità di trattamento previsto dall’art. 12 della direttiva 2011/98 – di beneficiare del cd. bonus bebè di cui all’art. 1 comma 125 L. 190/2014 e il diniego di detta prestazione costituisce discriminazione.

Fonte: Asgi

Leggi la sentenza