Nuove tensioni tra Salvini e Kyenge: i leghisti dovrebbero andare a vedere la situazione a Lampedusa

Diario del web, blog online, riporta l’ultima bagarre tra Matteo Salvini, segretario nazionale della Lega Nord e Cecile Kyenge, ex Ministra dell’Integrazione con il governo Letta. In seguito a reciproche accuse i toni si scaldano e la ex -ministra suggerisce un maggior coinvolgimento del partito della Lega Nord nell’accoglienza “reale” dei migranti.

Tra l’ex  ministro dell’integrazione Cecile Kyenge e la Lega Nord i rapporti, si sa, non sono mai stati buoni. Neppure la fine del suo ministero ha determinato un disgelo: tutt’altro. «Sono stata denunciata dalla Lega per diffamazione. Matteo Salvini mi ha querelato perché ho detto che la Lega è razzista», ha affermato la Kyenge a La Zanzara su Radio 24. «Lo ribadisco – dice la Kyenge – la Lega è un partito razzista, se non è razzista io sono bianca. Voi mi vedete bianca?». Ma la stessa vicenda della querela non è chiara: «Salvini dice che non ne sa nulla – aggiunge la Kyenge – e allora faremo una perizia sulla firma. Io ho la querela in mano e vedo la sua firma». In effetti, il leader della Lega, ospite il giorno precedente al programma radiofonico, aveva negato di aver mai presentato denuncia nei confronti della Kyenge. La quale, però, ha mostrato allo stesso Cruciani il documento, che recherebbe in calce la firma del segretario della Lega.(…)

Subito dopo, però, all’ex ministro viene un’altra idea. Parlando infatti dei leghisti “razzisti” ha dichiarato: «Ci sono le leggi, ma dovrebbero fare anche lavori socialmente utili. Magari andando a lavorare per gli immigrati a Lampedusa, così capiscono e si calano in quella situazione». E ora si aspetta la replica di Matteo Salvini.

Per leggere l’articolo originale in versione integrale, clicca qui.